Xiaomi Mi A2, la recensione: un buon medio gamma con AndroidOne!

Dopo l’enorme successo avuto con il Mi A1, il colosso cinese ha deciso di riprovarci in questo 2018 con due smartphone, il Mi A2 e il Mi A2 Lite, entrambi AndroidOne. Oggi parliamo del modello più prestante il Mi A2, smartphone che mi è piaciuto, ma sinceramente dopo aver testato il Mi Mix 2S e aver apprezzato davvero molto la MIUI, avere uno Xiaomi senza la sua interfaccia alla lunga mi ha lasciato un pò di amaro in bocca. Iniziamo subito la recensione completa di questo Xiaomi Mi A2.

UNBOXING

La confezione di questo Mi A2 contiene al suo interno un alimentatore 5V/2A, un cavo USB Type C, una cover in silicone e un adattatore da USB Type C a jack audio da 3,5 millimetri.

COSTRUZIONE

Mi verrebbe da dire “il solito Xiaomi di medio gamma” ed è molto simile al OnePlus 5. Comunque tralasciando le prime impressioni è costruito davvero bene, interamente in alluminio con le bande delle antenne (dello stesso colore della scocca) nascoste nella parte superiore ed inferiore dello smartphone, questo lo rende comunque un device che restituisce una sensazione di robustezza ed eleganza ma la sua sottigliezza lo rende anche molto scivoloso (consiglio infatti di usare la cover in dotazione). Analizziamolo nel dettaglio:

  • Lato destro: troviamo i il tasto Power e il bilanciere del volume;
  • Lato sinistro: abbiamo qui, lo slot per le due NanoSim, purtroppo non ha la memoria espendibile (è uno dei grandi limiti);
  • Lato superiore: è collocato il sensore ad infrarossi, molto comodo per controllare diversi dispositivi (TV, condizionatori, ecc.) e il microfono per la riduzione dei rumori ambientali;
  • Lato inferiore: non abbiamo l’ingresso jack da 3.5mm, davvero una grande mancanza, per alcuni magari può anche non essere un fattore rilevante, mentre per me lo è. Sinceramente su un medio di gamma non lo accetto, comunque troviamo su questo lato l’entrata USB Type C e lo speaker mono;
  • Fronte: qui notiamo il grande display da 5.99″, IPS, FULLHD+, in formato 18:9, senza notch, la capsula auricolare, la sensoristica, il led di notifica e la fotocamera anteriore da 20 megapixel  ƒ/2.2;
  • Retro: troviamo le Due Fotocamere, la principale da 12 megapixel ƒ/1.7 e la secondaria da 20 megapixel sempre ƒ/1.7, posizionate a “semaforo” e molto sporgente con al loro intero il flash, abbiamo anche il sensore per l’impronta molto veloce e preciso.

Le dimesioni di questo Mi A2 non sono certo molto contenute infatti sono di 158.7 x 75.4 x 7.3 mm per un peso complessivo di 168gr. Non abbiamo alcuna certificazione contro acqua e polvere.

DISPLAY

Anche qui mi verrebbe da dire “il classico display di Xiaomi”, 5.99″ in tecnologia IPS, risoluzione in FULLHD+ (2160 x 1080 pixel) in formato 18:9. E’ sicuramente un bel display, si vede molto bene sotto la luce diretta del sole e il sensore di luminosità si adatta in maniera abbastanza veloce, ma gli angoli di visone sono davvero scarsi, sopratutto sul nero che vira molto al grigio. Classico display medio gamma di Xiaomi 🙂 però i colori sono ben tarati.

PROCESSORE

Xiaomi ha deciso di andare sul sicuro inserendo in questo Mi A2 uno Snapdragon 660 octa core da 2,2 GHz con GPU Adreno 512, 4GB di Ram e 32GB di memoria interna (ci sono altre due versioni una da 64GB e una da 128GB) purtroppo non espandibile. Grave mancanza questa, infatti vi consiglio di andare ad acquistare la versione da 64GB. Questo Chipset lo abbiamo già testato su altri smartphone e devo dire che è un ottimo compromesso tra prestazioni e risparmio energetico. Va molto bene facendo girare questo Mi A2 molto bene senza intoppi e restituendo un’esperienza d’uso molto gradevole. Ecco i risultati di Antutu:

FOTOCAMERA

Come scritto precedentemente, sul retro abbiamo due sensori il principale da 12 megapixel e il secondario da 20 megapixel entrambi con apertura ƒ/1.7. Il secondo sensore viene usato per l’effetto sfocatura e per gli scatti con poca luce, infatti passando alla modalità PRO si può decidere di utilizzarlo o meno, grazie alla tecnologia pixel binning che unisce 4 pixel in uno per poter catturare più luce. I risultati generali degli scatti sono davvero molto buoni, considerando la fascia di prezzo, troviamo un buon bilanciamento dei colori, una messa a fuoco molto rapida e gli scatti sono anche ben dettagliati. In condizioni di scarsa luminosità, utilizzando il secondo sensore, i risultati sono decisamente sopra la media, ma ovviamente non a livelli di un Top di gamma. Il sensore anteriore è da 20 megapixel con apertura ƒ/2.2 e anche qui abbiamo scatti decisamente buoni superiori ai competitor. I video possono essere girati al massimo in 4K, ma purtroppo l’assenza di stabilizzazione può creare qualche problema durante la registrazione.

AUDIO

L’audio è solo stereo ma devo dire che è davvero buono, infatti è molto alto sopratutto all’arrivo delle notifiche. Mancano forse un pò i bassi. Nessun problema dalla capsula auricolare di sente forte e chiaro.

SOFTWARE E CONNETTIVITA’

Questo Xiaomi Mi A2 è un AndroidOne, infatti troviamo Android 8.1 con le patch di sicurezza aggiornate ad Ottobre 2018. Non abbiamo la MIUI, abbiamo invece un software praticamente stock, solo alcune app sono personalizzate da Xiaomi come l’app della fotocamera, l’app per gli infrarossi e del file manager. C’è davvero poco da dire, va bene senza rallentamenti e senza intoppi grazie proprio alla leggerezza del sistema. E poi essendo un AndroidOne gli aggiornamenti sarenno garantiti nel tempo. Buona la connettività: LTE fino a 600 Mbps, Wi-Fi ac con entrambe le bande e Bluetooth 5.0. Manca invece l’NFC.

AUTONOMIA

Lo Xiaomi Mi A2 è alimentato da una batteria da 3010 mAh. Forse non tantissimi ma visto la sottigliezza dello smartphone una più capiente forse non entrava. I risultati all’inizio non mi hanno sorpreso anzi, ero deluso, ma poi con un’attenta gestione sono riuscito a fare 4H e 10M di display attivo in un giorno e 15m. Direi un buon risultato ma certamente non è un battery phone.

CONCLUSIONE

Al momento viene venduto su Amazon ad un prezzo di 176€ per la versione da 32GB, 197€ per la versione da 64GB e 241€ per la versione da 128GB. Se si vuole avere tra le mani un device aggiornato, con una buona autonomia e un ampio display questo fa al caso vostro, ma sinceramente consiglierei di spendere qualcosa in più e prendere la versione da 64GB, non consiglio ne quella da 32GB ne quella da 128GB, perchè a quel prezzo potete trovare qualcosa di meglio.

Pro
  • Ottime foto
  • Una buona autonomia
  • Aggiornamenti veloci e frequenti
  • Ottimi i materiali
Contro
  • Mi sa di un device già visto
  • Un buon display ma si poteva fare qualcosa di più
  • Mancanza del jack ed espansione ingiustificabili
  • Con la MIUI avrebbe avuto un passo in più
7.6
Discreto
Display - 7
Hardware - 7.5
Software - 7.5
Fotocamera - 8
Autonomia - 8

Dì la tua!

2 0