LG V50 ThinQ 5G, la recensione: doppio schermo per avere tutto sottomano

LG segue la massa e porta in commercio uno smartphone dual screen con connettività 5G, in sostanza è stato preso LG V40 e convertito efficacemente in un dispositivo più potente, con capacità 5G, il tutto si chiama LG V50 ThinQ 5G.

Schermo

LG V50 vanta un display OLED da 6,4 pollici con una risoluzione QuadHD + (3120×1440) per 538ppi con un rapporto 19,5:9 e un schermo-corpo dell’84,3%. Sebbene LG lo definisca un display “FullVision”, le cornici sono ancora piuttosto accattivanti.

Per quanto invadente possa sembrare il notch, ci sono alcune opzioni per nasconderlo. Abbiamo impostato la maggior parte nascosta rendendo nera la barra di notifica ma, non appena apriamo un’app, assume la combinazione di colori. Anche gli angoli del display sono arrotondati, il che spesso interrompe gli angoli dei video o ci costringe a ridurre il video e quindi non aver la possibilità di visualizzarlo correttamente a schermo pieno.

Stiamo parlando sicuramente di uno schermo con molti pro, uno di questi è la risoluzione che è meravigliosamente nitida; per impostazione predefinita, il telefono funziona a una risoluzione inferiore e non sentiamo mai la necessità di alzarla. È anche molto luminoso per i giorni di sole grazie alla sua impostazione di luminosità potenziata, non abbiamo mai avuto difficoltà a vedere cosa c’è sullo schermo.

Abbiamo visto un bel pezzo di Avengers: Infinity War per vedere quanto bene l’LG V50 gestiva i colori vibranti e non ci ha deluso; la tecnologia di visualizzazione di LG è prevedibilmente bella

Dual Screen

LG V50 ha una particolarità, a dire il vero non banale, stiamo parlando dell’LG Dual Screen, tecnologia all’avanguardia che è venuta fuori per 15 anni dopo che Nintendo ha praticamente fatto la stessa cosa con la sua console di gioco DS.

Il Dual Screen è un accessorio (strettamente opzionale) per la V50 che consiste in una custodia incernierata con un display OLED da 6,2 pollici su un lato e uno slot per la V50 stessa sull’altro, trasformandolo in un dispositivo bi-schermato che è stranamente ricorda la linea portatile di Nintendo.

Il secondo schermo può ruotare di 360 gradi, chiudendo in un clamshell o ruotando fino in fondo per darvi schermate sulla parte anteriore e posteriore. È essenzialmente lo stesso tipo di esperienza che Samsung e Huawei offrono con le loro nuove pieghevoli, ma in questo caso è un componente aggiuntivo opzionale che abbiamo testato soprattutto per il gaming e ci ha fatto da subito tornare indietro a quando passavamo intere giornate davanti al Nintendo DS, favoloso.

Design

LG V50 è una testimonianza di come LG sembra essere in ritardo rispetto alla concorrenza, rispetto a LG V40 è cambiato molto poco, con il display e il corpo quasi identici a parte lo spessore aggiuntivo di 0,5 mm per l’LG V50. Le misure sono 158,8 x 75,7 x 8,4 mm (6,25 x 2,98 x 0,33 pollici) e pesa 183 grammi.

Lo smartphone mantiene un pulsante di accensione sul lato destro mentre i pulsanti del volume e il pulsante Assistente Google rimangono sulla sinistra; c’è un ampio vassoio SIM sulla destra che ha anche uno slot per una scheda microSD. Il bordo del telefono è in metallo, mentre la parte anteriore e quella posteriore sono rivestite in vetro.

Lo schermo è un Gorilla Glass 5 sul davanti e Gorilla Glass 6 sul retro, le fotocamere posteriori sono ora completamente incorporate sotto il vetro posteriore, senza sporgere. La parte posteriore è quindi una lastra di vetro liscia con bordi arrotondati e solo lo scanner per impronte digitali incassato e il flash lo interrompono.

Nella parte superiore, sopra le fotocamere, c’è un logo 5G illuminato che pulsa, ma lo fa indipendentemente da qualsiasi connessione 5G; ha anche un grado di protezione IP68, quindi un po’ d’acqua non è un problema.

LG V50 ThinQ 5G ha una porta USB-C nella parte inferiore jack per cuffie da 3,5 mm. Aumenta persino il suo potenziale con un DAC Quad Hi-Fi a 32 bit e il supporto per DTS: X 3D Surround. Il risultato è un’ esperienza di ascolto che ci ha veramente impressionato.

La griglia dell’altoparlante è anche nella parte inferiore, mentre un auricolare extra-piccolo è incastonato nella tacca sopra il display e oonestamente, in questo caso l’esperienza audio non ci ha convinto più di tanto. LG chiama il setup “Boombox Speakers“, non sono poi così rumorosi e quando vengono portati al massimo volume, sono stridenti e poco chiari. Per rispondere alle chiamate, anche l’auricolare è problematico è piccolo e decentrato, una posizione non ottimale rispetto all’orecchio.

Fotocamere

Proprio come il design, il sistema di fotocamere LG V50 non è tanto diverso dal modello precedente. C’è una fotocamera da 8 MP e una fotocamera grandangolare da 5 MP nella parte anteriore, oltre a un teleobiettivo da 12 MP, 16 MP super-wide e una fotocamera standard da 12 MP sul retro.

Si tratta di un totale di cinque fotocamere e offrono una discreta versatilità nelle riprese di foto. Come sapete, non l’unico telefono con così tante fotocamere, dato che il Huawei P30 Pro e il Samsung Galaxy S10 5G hanno creato una forte concorrenza.

Il sensore posteriore principale supporta alcune delle caratteristiche chiave dell’LG V50; è un sensore HDR a 10 bit e consente al telefono di acquisire video 4K in HDR10. Sebbene sia possibile il 4K / 60fps, alcune funzioni sono limitate a 4K / 30fps e inferiori (24 fps è anche un’opzione per un aspetto cinematografico); il sensore principale ha anche OIS ed EIS, cosa che manca agli altri.

Il sistema di fotocamere dell’LG V50 è senza dubbi impressionante. Le immagini che catturiamo sono generalmente super nitide (a volte troppo nitide, facendo apparire i capelli illuminati e altri oggetti sottili quasi come luci al neon e dando agli sfondi sfocati un effetto simile a Van Gogh) e vibranti; i colori nelle immagini appaiono quando dovrebbero apparire, mentre i toni più naturali delle piante e dei fiori (anche quelli colorati) rimangono ragionevoli.

Con la possibilità di alternare tra ultra-grandangolo e teleobiettivo sul retro, possiamo catturare una buona varietà di scatti; il teleobiettivo offre un’eccellente qualità di primo piano con una forte sfocatura dello sfondo che si è dimostrata più efficace di qualsiasi effetto bokeh abilitato al software.

Unica pecca il passaggio tra le modalità della fotocamera è piuttosto lento perché dobbiamo scorrere diverse modalità più volte, in attesa che la modalità cambi; se passiamo effettivamente dalle telecamere anteriori a quelle posteriori (un semplice tocco sullo schermo), tornerà alla modalità automatica, poco intuitivo e user-friendly.

Hardware

Lo Snapdragon 855 all’interno dell’LG V50 offre molta velocità con cui lavorare mentre i 6 GB di RAM possono essere un fattore limitante quando si entra in un pesante multi-tasking, ma per la maggior parte delle attività, l’LG V50 girerà rapidamente.

LG dotato lo smartphone di un sistema di raffreddamento a vapore, non abbiamo praticamente mai sentito il LG V50  scaldare, neanche durante un uso prolungato; possiamo dire che svolge il suo lavoro in modo efficace.

La disponibilità dello storage microSD offre una buona flessibilità per l’ottimizzazione delle velocità. Significa che app e file che richiedono velocità di dati più elevate possono risiedere nella memoria interna mentre foto e musica possono essere trasferite su una microSD.

Il lettore di impronte digitali sul retro del telefono è rapido ed efficace, solitamente lo prendiamo con solo un bordo del dito, ma lo legge ancora e si sblocca. Il riconoscimento facciale è un po’ più lento, e ci impiega circa un secondo. 

Parlando di connettività abbiamo Bluetooth 5.0 buono anche in previsione dei prossimi anni, purtroppo per quanto riguarda gli standard wireless, utilizza ancora 802.11ac per il Wi-Fi, niente WiFi 6, peccato.

Batteria

C’è poco di cui stupirsi quando si tratta della batteria, LG non ha fatto nulla di speciale qui perchè LG V50 con i suoi 4.000 mAh ci ha permesso superare un’intera giornata nella nostra esperienza. Con lo schermo mantenuto alla sua risoluzione predefinita e luminosità lasciata su auto,  non abbiamo visto la batteria scaricarsi troppo rapidamente, anche riproducendo almeno metà di un film.

Abbiamo anche notato che l’uso del 5G non ha un grandissimo impatto sulla batteria. 

Software

Per impostazione predefinita, LG V50 ha solo una schermata principale con tutte le app installate che appaiono su di essa; non è possibile nasconderle in un App Drawer se non li si utilizza regolarmente. 

Il software ha alcune funzioni utili tra cui il doppio tocco del pulsante “Volume su” mentre lo schermo è spento aprirà una schermata per prendere appunti. Lo stesso processo con “Volume giù” ha che apre rapidamente la fotocamera. E’ anche presenteun rapido collegamento per fare uno screenshot con le annotazioni direttamente nel pannello delle notifiche.

Per le logiche considerazioni fatte da LG con il software, ne mancano alcuni dettagli. Sembra un gioco da ragazzi per qualsiasi telefono con un display OLED avere un tema scuro incorporato, ma qui l’LG V50 riesce a non far funzionare la sua intelligenza artificiale, mancano infatti i temi scuri!

Le lunghe proporzioni del grande schermo rendono anche difficile raggiungere la parte superiore dello schermo, cioè l’unico modo per abbassare l’ombra delle notifiche; è una vera lotta da fare con una sola mano.

Abbiamo trovato anche scomoda l’impostazione dell’ hotspot mobile, infatti non è possibile aggiungere il collegamento nelle impostazioni rapide del pannello di notifica; dobbiamo andare nel menu delle impostazioni e accenderlo ogni volta che vogliamo usarlo. 

Conclusione

LG V50 ThinQ 5G è uno smartphone coraggioso e che convince con soluzioni tecniche uniche nel loro genere; stiamo infatti parlando di un dispositivo venduto insieme a un accessorio che aggiunge uno schermo per il multitasking (fino a tre applicazioni contemporaneamente) e che permette di abilitare alcune interessanti funzionalità pensate soprattutto per il gaming, ve lo consigliamo se state cercando una vera rivoluzione cioè il dual screen. 

Le foto

Pro
  • Opzione LG Dual Screen interessantissima
  • Display di alta qualità e luminoso
  • Supporto 5G
  • Sistema con 5 fotocamere versatile
Contro
  • Ingombrante con Dual Screen
  • Speaker non all'altezza
  • Prezzo al momento alto
8
Ottimo
Schermo (e Dual Screen) - 9
Design - 7
Fotocamere - 9
Hardware - 8
Software - 8
Batteria - 8
Qualità/prezzo - 7
Scritto da
Sono un grande appassionato di informatica, fotografia e grafica digitale. Mi piace testare i nuovi prodotti tecnologici usciti sul mercato ed è per questo che il 27 maggio 2017 ho deciso di aprire RecensioneDigitale.it

Dì la tua!

2 0