Panasonic Lumix G80, la nostra recensione: la mirrorless 4K con Dual I.S. 2

Nonostante abbia qualche anno sulle spalle, e magari non sia aggiornata con gli standard attuali, la Panasonic Lumix G80 che abbiamo testato per qualche mese ultimamente è ancora una mirrorless che dice la sua nel vasto campo della fotografia digitale.

Specifiche 

All’interno di Panasonic Lumix G80 troviamo anche uno stabilizzatore a cinque assi che limita l’effetto mosso per riprese sempre nitide e stabili, così come il supporto al Dual I.S. quando utilizzato con una lente che supporta questa funzione. Non mancano caratteristiche come l’output dell’immagine in tempo reale tramite HDMI durante la ripresa video, un jack da 3.5 mm per il microfono, le funzioni di Focus Bracket e Aperture Bracket, delle curve di gamma preimpostate per registrazioni video in modalità Creative Video, modalità di risparmio energetico con ripresa LVF, lo sviluppo di file RAW in Camera, la modalità silenziosa, l’esposizione multipla e la funzione di Time Lapse / Stop Motion. 

Il design ergonomico di Panasonic Lumix G80 incorpora un mirino elettronico EVF da 2.36 megapixel e un monitor LCD touchscreen da 1.04 megapixel, così come un sensore WiFi per garantire il controllo remoto da altri dispositivi.  Altra caratteristica molto importante è sicuramente il corpo tropicalizzato, in grado di resistere alle condizioni climatiche avverse.

Ergonomia e design

Con l’obiettivo kit la G80 14-140 che abbiamo utilizzato (anche con il 12-60) si mantiene comodamente con una sola mano. Il quadrante di controllo anteriore e posteriore è facilmente accessibile, così come i pulsanti Fn1 e Fn2 / Q.Menu, senza compromettere la presa sulla fotocamera.

I quadranti di controllo e il pulsante di scatto sulla fotocamera hanno una rigidità rassicurante, soprattutto se confrontati con quelli della Panasonic G7. Questa differenza è probabilmente il risultato della sigillatura del tempo/polvere della Lumix G80.
Il corpo della fotocamera è avvolto nello stesso materiale simile alla gomma del suo predecessore. Dal punto di vista ergonomico, G85 (e G7) sono entrambi più facili da usare rispetto allo stile della mirrorless, che condivide molti degli stessi componenti interni ma è avvolto in un ecopelle, che abbiamo trovato molto più fluido.

Nel complesso, la Lumix G80 è una fotocamera molto facile da usare, i suoi quadranti sono grandi e l’interfaccia touchscreen dovrebbe essere intuitiva per chiunque abbia familiarità remota con i dispositivi sensibili al tocco. Tuttavia, i pulsanti posteriori sono sul lato piccolo. E la fotocamera può essere difficile da utilizzare nell’orientamento verticale quando il touchscreen è abilitato con un occhio al mirino. Questo perché non importa la dimensione del tuo naso, molto probabilmente cambierà involontariamente il tuo punto AF. Un difetto che ho personalmente notato è che spesso e volentieri mi è successo di selezionare la messa a fuoco con il naso, farà ridere ma è così.

Mirino

La Panasonic Lumix G80 utilizza  un OLED da 2.36M punti nel suo mirino elettronico con un ingrandimento di 0,74x. L’oculare più lungo dovrebbe migliorare la visibilità per i portatori di occhiali e il maggiore ingrandimento migliora la visibilità generale. 

EFS

La fotocamera utilizza lo stesso otturatore elettromagnetico della GX85; dispone inoltre di una modalità elettronica di prima tendina che può essere utilizzata a una velocità di 1/2000 sec. La parte anteriore della G80 è in lega di magnesio.Questo non solo aiuta a ridurre lo shock dell’otturatore, ma aiuta anche a smorzare il suono dell’otturatore meccanico, rendendolo meno udibile a chi sta vicino.

ISO automatico

La funzionalità ISO automatico di Panasonic continua ad essere decisamente “vecchio” secondo i moderni standard delle telecamere. Gli utenti non possono specificare una velocità minima dell’otturatore, un intervallo o una relazione con la lunghezza focale alla quale la fotocamera aumenterà l’impostazione ISO. Per esempio, l’Auto ISO non può essere utilizzato in modalità “M” durante l’acquisizione video e quando si utilizza Auto ISO in modalità Manuale durante l’acquisizione, non è possibile utilizzare la compensazione dell’esposizione. 

La Lumix G80 ha anche una modalità ISO intelligente, inoltre non consente a nessun utente di entrare oltre l’impostazione del limite superiore, cercando invece di rilevare il movimento nella scena e aumentare l’ISO per garantire che venga utilizzata una velocità dell’otturatore adeguata.

Ripresa video

Come la maggior parte delle Panasonic, anche più recenti, la Lumix G80 ha molti strumenti video utili come il picco di messa a fuoco, gli avvertimenti di luce e le regolazioni del livello del microfono (con un’opzione di filtro del vento), funzionalità che durante una ripresa tornano sempre utili

Per i videomaker professionisti interessati alla correzione del colore in post, la fotocamera presenta Cinelike Gamma D (un profilo abbastanza piatto, anche se non una risposta Log). In alternativa c’è il profilo Cinelike V che cerca di dare un risultato finale ma con meno flessibilità post-elaborazione. G85 consente inoltre di regolare contrasto, nitidezza, riduzione del rumore, saturazione, tonalità di colore, tonalità e effetto filtro (solo monocromatico) per tutti gli stili fotografici.

Il touchscreen della fotocamera rende la selezione di un punto di messa a fuoco o di messa a fuoco incredibilmente semplice. Non manca la modalità “4K live cropping” che consente agli utenti di eseguire lo zoom o lo zoom su un’area selezionata di un video 4K

Nel complesso la qualità video è eccezionale, un altro motivo estremamente convincente per considerare l’acquisto della Lumix G80 per la realizzazione di video è anche la stabilizzazione a 5 assi all’interno del corpo: può essere facilmente utilizzata a mano libera, anche quando si utilizzano focali lunghe e zoom, senza doversi preoccupare del tremolio.

Connettività

Un altro ambito dove la G80 fa un passo avanti rispetto la G7 è nel layout di porte e connessioni. In primo luogo la memoria non è più in basso insieme alla batteria, ma ha uno sportellino dedicato sulla destra. Questo la rende molto più comoda sia per cambiare SD mentre la fotocamera è sul treppiedi (o ha il battery grip montato), sia perché lo si può fare a caldo, senza spegnerla.

Le porte, invece, non sono più tutte insieme sulla destra, ma meglio distribuite sotto due sottili sportellini sulla sinistra. Quello più avanzato contiene l’ingresso per il telecomando remoto e per il microfono, mentre l’altro l’uscita video Micro HDMI e la porta Micro USB, molto più comoda della precedente per il collegamento al computer.

La batteria si trova in basso, dove si nota anche il nuovo contatto per il battery grip. La DMW-BLC12E (1200mAh/8.7Wh) garantisce circa 330 scatti secondo lo standard CIPA, ma in realtà si può andare molto oltre. Attivando il risparmio energetico ed usando solo il mirino, sono riuscito a raggiungere oltre 600 scatti con una sola carica: davvero un ottimo risultato.

Funzionalità 

Modalità foto 4K

L’abbiamo trovata in praticamente tutte le mirrorless Panasonic che abbiamo recensito, sicuramente la modalità Foto 4K è una di quelle funzioni sono piacevoli da utilizzare di queste e funziona catturando una breve clip 4K (in una scelta di proporzioni) e consentendo agli utenti di estrarre immagini da 8 MP. Questa modalità è interessante perché offre ai fotografi la possibilità di catturare momenti molto specifici nel tempo, all’equivalente di un frame rate incredibilmente alto. È anche molto facile da usare.

Un’altra caratteristica interessante che abbiamo visto anche sulla GX8 è Post Focus. Funziona concentrandosi durante l’acquisizione di video 4K, consentendo agli utenti di catturare un JPEG dalla clip utilizzando un’interfaccia progettata in modo intelligente.

Post Focus

La Lumix G80 porta  include una modalità “Focus Stacking” che opera in modo simile al Post Focus (che consente di impostare il punto di messa a fuoco dopo lo scatto) ma con una finalità differente. Si inizia scegliendo una foto, dopodiché occorre selezionare un’area di messa e fuoco iniziale e un’area finale. Su schermo le aree a fuoco vengono evidenziate in verde in modo da poter comporre le immagini più efficacemente. Il risultato finale è uno scatto che combina la messa a fuoco in più aree per ottenere un maggior controllo della profondità di campo.

Autofocus

Il sistema AF Contrast Detect a 49 punti e la tecnologia Depth da Defocus di Panasonic (o ‘DFD’, che funziona solo quando si scatta con il vetro Panasonic) funziona in combinazione con i profili dell’obiettivo che capiscono come gli oggetti fuori fuoco siano resi davanti o dietro il piano di messa a fuoco per qualsiasi obiettivo particolare, aiutando la fotocamera a decidere se guidare l’elemento di messa a fuoco avanti o indietro per ottenere la messa a fuoco. La DFD è una delle ragioni principali per cui molte fotocamere serie G possono scattare a raffica a 6 fps con AF continuo.

Prestazioni

Quando si utilizza l’otturatore meccanico, la Lumix G80 vanta una velocità massima di raffica di 9 fps (40 fps in modalità SH utilizzando l’e-shutter) con la messa a fuoco bloccata e 6 fps (con una vista live) con la fotocamera impostata su AF continuo. Il G85 è compatibile con UHS-II e il buffer è abbastanza impressionante. Quando si riprendono i JPEG a 6 fps, non siamo nemmeno riusciti a raggiungere i suoi limiti (usando una scheda UHS-II). Scattando Raw a 6 fps, abbiamo sparato 50 fotogrammi prima di riempire il buffer.

La mirrorless  guadagna anche una nuova velocità massima dell’otturatore di 1/1600 sec utilizzando l’e-shutter. 1/4000 sec è la massima velocità dell’otturatore utilizzando l’otturatore meccanico e 1/2000 quando si utilizza la nuova modalità di otturatore prima tendina elettronica.

Dual I.S. 2

La  Lumix G80 è dotata di Dual IS 2 e utilizza un nuovo algoritmo di stabilizzazione dell’immagine e un nuovo giroscopio per una maggiore stabilità. Quando si utilizza un obiettivo compatibile, il sistema utilizza i sistemi di stabilizzazione in-body e in-lens in concerto, che secondo Panasonic è in grado di eseguire 4-5 stop di stabilizzazione quando si riprendono lunghezze focali del teleobiettivo normale.

Abbiamo testato Dual I.S. 2 sulla fotocamera usando il 14-140mm F3.5-5.6 Power O.I.S. obiettivo del kit con una lunghezza focale equivalente a 50 mm e 200 mm (utilizzando il nostro test IS standard). In entrambi i casi abbiamo una media di circa 3,5 stop di abilità aggiunta alla mano.

Qualità delle foto

Panasonic con il suo sensore Quattro/Terzi da 16MP rimuove il filtro anti aliasing e la Lumix G80 vede dei miglioramenti rispetto a fotocamere  precedenti dello stesso marchio che abbiamo testato in passato, come conseguenza di ciò e delle modifiche al suo motore JPEG.

La mirrorless cattura un buon dettaglio sia in RAWche in JPEG, pur facendo un ragionevole lavoro di tenere sotto controllo i falsi colori. Il colore JPEG è stato leggermente migliorato, ma in generale, i JPEG tendono a sembrare sbiaditi a ISO più alti e la riduzione del rumore su tutta la scheda è molto aggressiva e spesso sciatta. In poche parole, per ottenere il massimo dal G85, scatta in modalità RAW.

La fotocamera  acquisisce una modalità di prima tendina elettronica eil meccanismo di scatto sembra risolvere qualsiasi preoccupazione relativa allo shock dell’otturatore. Utilizzando la modalità di scatto EFC si ottengono file a 12 bit, proprio come quando si usa l’otturatore meccanico, ma i risultati completamente elettronici nei file a 10 bit. Questa capacità di scattare senza otturatore senza ricorrere alla modalità E-shutter conferisce alla G80 un notevole vantaggio rispetto al suo predecessore in termini di gamma dinamica e livelli di rumore RAW agli alti ISO.

Conclusione

Meglio per i video che per le foto, questa Lumix G80 ci ha convinto per manggevolezza e funzionalità interessanti che abbiamo imparato ad utilizzare e apprezzato con i test precedenti di altre mirrorless di casa Panasonic, il reparto fotografico non ci convince fino in fondo.

Pro
  • Qualità video 4K eccellente
  • Tante funzionalità sia per video che per foto
  • Mirino preciso e di buona qualità
  • Display touch e tanta possibilità di personalizzazione
Contro
  • USB non di Tipo-C
  • Manca la porta per le cuffie
  • Colori desaturati a ISO alti
8.4
Ottimo
Ergonomia - 9
Funzionalità - 9
Qualità foto - 7
Ripresa video - 9
Qualità/prezzo - 8
Scritto da
Sono un grande appassionato di informatica, fotografia e grafica digitale. Mi piace testare i nuovi prodotti tecnologici usciti sul mercato ed è per questo che il 27 maggio 2017 ho deciso di aprire RecensioneDigitale.it

Dì la tua!

1 0