Huawei P Smart + 2019, la recensione: probabilmente un best-buy ma poco considerato!

Dopo aver lanciato sul mercato la serie P Smart, in questo 2019 Huawei ha deciso di continuare con il P Smart 2019 e la versione Plus (+) che si differenziano solo per alcune cose. Oggi parliamo proprio di quest’ultima versione, forse poco considerata ma secondo la mia esperienza vi posso dire che questo smartphone è un assoluto best-buy, ma scopriamolo nella recensione completa.

UNBOXING

All’intero della classica confezione di vendita di colore bianco troviamo un alimentatore 5V/2A, un cavo USB/microUSB e un paio di cuffie stereo Huawei di discreta qualità.

COSTRUZIONE

Stiamo parlando di uno smartphone sui 200€ e, forse, ci saremmo aspettati qualcosina in più sulla qualità costruttiva considerando la concorrenza. Mentre gli altri sfornano smartphone in alluminio e vetro, su questo P Smart + 2019, che per comodità chiamerò + 😉 , abbiamo sia il frame sia la back cover in policarbonato, sicuramente di buona qualità però si riempie di graffietti e d’impronte, per questo l’ho usato con la cover in dotazione. Probabilmente il lato estetico non è il punto forte di questo + ma andiamo ad analizzarlo nel dettaglio:

  • Lato destro: abbiamo la classica disposizione, tasto Power e bilanciere del volume entrambi facilmente raggiungibili;
  • Lato sinistro: questo lato è completamente pulito;
  • Lato superiore: abbiamo lo slot per le Due Nano Sim, rinunciando all’espansione di memoria, e abbiamo anche il microfono per la riduzione dei rumori di sottofondo;
  • Lato inferiore: troviamo al centro la porto USB/MicroUSB, il jack da 3.5mm e lo speaker, purtroppo solo mono;
  • Fronte: abbiamo un display da 6,21″ con il notch a goccia (che preferisco a tutte le altre forme) con al suo interno la fotocamera anteriore, subito sopra abbiamo la griglietta della capsula auricolare dove troviamo anche un piccolo led di notifica;
  • Retro: qui abbiamo, in una posizione comoda e facile da raggiungere, il sensore d’impronte (molto veloce e preciso nello sblocco) e i 3 sensori fotografici (24 mpx + 16 mpx grandangolare + 2 mpx profondità).

Le dimesioni generali non sono molto contenute ma lo si tiene bene in mano infatti sono di 155,2 x 73,4 x 8 mm per un peso di 160gr. Non abbiamo alcuna certificazione contro acqua e polvere.

DISPLAY

Su questo Huawei P Smart + 2019 abbiamo un ampio display da 6,21″ con un notch a goccia, con risoluzione FULLHD+ (2340×1080), in tecnologia IPS e con un rapporto di 19.5:9. Tutto sommato è un buon display, visto che si parla sempre di uno smartphone da 180 – 200€, buoni gli angoli di visione anche se il nero vira decisamente al grigio non  solo di taglio ma si nota un nero poco profondo anche dalla schermata iniziale all’accensione, ma nulla di drammatico. I colori sono fedeli, ma avrei preferito averli un pò più carichi. Il display si vede molto bene sotto la luce diretta del sole e non ho mai avuto problemi con la luminosità automatica, infatti si adatta velocemente ad ogni cambiamento di luce. La EMUI poi da la possibilità di scegliere due modalità, quella Naturale e quella Intensa, quindi si può scegliere la tonalità di colore, io ho utilizzato quella Intensa, ma la differenza tra le due opzioni non è molto visibile. In conclusione direi che sono rimasto comunque abbastanza soddisfatto di questo display, l’unica cosa che non mi è piaciuta sono i neri poco profondi, e te ne rendi conto sopratutto quando vedi un video, ma come detto prima nulla di drammatico.

PROCESSORE

All’interno di questo + 2019 abbiamo il Kirin 710 (processore di casa Huawei di fascia media) octa-core (quattro sono Cortex-A73 dalla frequenza massima di 2.2 GHz, e i restanti quattro sono dei Cortex-A53 a 1.7 GHz) con soli 3GB di Ram e 64GB di memoria interna.  Ovviamente non è un processore Top di Gamma, ma devo dire che non mi ha affatto deluso, anzi mi ritengo sorpreso visto che sinceramente mi aspettavo di peggio. Nel momento in cui lo si mette sotto stress si notano un pò di rallentamenti ma non danno particolarmente fastidio. Il tutto gira nel modo giusto e i consumi sono ridotti grazie anche alla EMUI che sugli smartphone medio-bassi di gamma fa davvero miracoli sia in termini di velocità sia in termini di risparmio energetico. Vi lascio i risultati di ANTUTU:

FOTOCAMERA

Sul retro di questo + 2019 abbiamo tre sensori, il principale da 24 megapixel, il secondario da 16 megapixel grandangolare e il terzo è da 2 megapixel per l’effetto di profondità. Si comporta come tutti i medio di gamma, anzi in condizioni di luce ottimale, grazie anche all’intelligenza artificiale, tira fuori scatti davvero notevoli, forse un gradino sopra gli altri. Infatti abbiamo scatti davvero brillanti, con un’ottima messa a fuoco e con colori naturali. Al calare ovviamente si notano i limiti, ma in aiuto ci viene la modalità Notte che riesce a migliorare lo scatto, ovviamente non fa miracoli come su altri smartphone più blasonati. Anche se è da 2 megapixel la modalità ritratto non è affatto male, scontorna bene il soggetto, ma bisogna avere luce ottimale per un risultato gradevole. Per i video consiglio il FULLHD anche se la mancanza di stabilizzazione si fa sentire. Sul fronte abbiamo un sensore da 8 megapixel, le prestazioni sono un gradino sotto la media, infatti con poca luce si hanno selfie non eccellenti con molte zone poco definite e con molto rumore, ovviamente per il prezzo al quale viene venduto ci può stare.

AUDIO

Lo speaker è posto nella classica posizione e restituisce un audio non molto alto e con la mancanza di bassi. Nessun problema dalla capsula auricolare. l’audio in uscita è solo Mono.

SOFTWARE E CONNETTIVITA’

Questo P Smart + 2019 viene commercializzato con la MIUI 9 e Android 9, ma al momento della recensione siamo ancora alle patch di sicurezza a Maggio 2019. La EMUI come detto prima fa miracoli sui dispositivi di media e bassa fascia, perchè dà la possibilità di utilizzare temi, gesture e mette a disposizioni diverse app utili senza appesantire il sistema, restituendo cosi prestazioni buone e consumi ridotti. Buona la connettività 4G LTE Cat. 12 (600 Mbps), Wi-Fi ac 2.4-5GHz, Bluetooth solo 4.2 ed è presente l’ NFC.

AUTONOMIA

Questo + 2019 viene alimentato da una batteria da 3.400 mAh con ricarica rapida a 10W. Qui c’è poco da dire è semplicememte eccezionale. Scaricarla è davvero faticoso grazie sia alla EMUI che all’ottimizzazione generale. Io sono riuscito a fare quasi 6H di display attivo senza utilizzare nessun risparmio energetico. Se volete un batteryphone questo è da tenere in considerazione e abbiamo anche la ricarica rapida.

CONCLUSIONE

Nel titolo ho scritto che questo smartphone è forse poco considerato ed è vero. Ormai lo si trova sotto i 200€ che è un’offerta giusta secondo me. Se non si hanno pretese, questo è uno degli smartphone da scegliere. Ha tutto e ha anche qualche qualità che eccelle, come le prestazioni e l’autonomia. In questa fascia ormai non è facile scegliere o consigliare, c’è ne sono milioni di smartphone di tante Casa produttrici, ma col giusto prezzo, detto sopra, questo P Smart + 2019 non me lo farei sfuggire.

Acquista su Amazon.it

 

 

 

Pro
  • Ottima autonomia
  • Buone prestazioni generali
  • Emui fa miracoli
Contro
  • Buona la qualità costruttiva ma si poteva fare di meglio
  • Fotocamera Standard non di altissimo livello e senza stabilizzazione
  • Bluetooth solo 4.2
7.8
Discreto
Display - 7
Hardware - 7.5
Software - 8
Fotocamera - 6.5
Autonomia - 10

Dì la tua!

2 0