Smartisan Nut Pro 2, la recensione: lo smartphone “artigianale”

Come avete potuto leggere dal titolo oggi parleremo di uno Smartphone ARTIGIANALE, lo Smartisan Nut Pro 2. Infatti il nome Smartisan deriva dall’ unione delle parole Smartphone e Artisan (artigiano).  Dispositivo curato nei minimi dettagli perché la giovane azienda cinese vuole puntare fortemente sull’aspetto estetico, ora però iniziamo la nostra recensione.

UNBOXING

Confezione di vendita molto “minimale” ma molto ben curata nella quale troviamo ovviamente lo smartphone, caricatore con presa asiatica ( dispositivo pensato prevalentemente per mercato orientale),  cavo usb di tipo C , adattatore mini jack di tipo C ( manca sullo smartphone l’ entrata mini jack 3.5 mm ), spillo per estrarre lo slot SIM e manualistica

COSTRUZIONE

Smartphone indubbiamente realizzato con materiali Premium e con grande cura dei dettagli, per questo si contraddistingue  dalla concorrenza. Abbiamo un retro realizzato interamente in vetro ( materiale come sappiamo un po’ scivoloso ma, grazie alle forme un po’ spigolose, lo si tiene bene in mano e offre comunque un buon grip) e sempre nella parte posteriore è posto il lettore d’ impronte digitale a filo con la scocca ( al suo interno si può notare il disegno di un martello, appunto il logo dell’ azienda) per questo motivo risulta un pò difficile da trovare ma è molto veloce e reattivo. Il frame è in alluminio ed è percorso da un intaglio di color bronzo. Rimanendo ancora sulla parte posteriore troviamo anche la Doppia Cam con il Flash led, sul fianco destro i tasti per la regolazione del  volume, il tasto power e sul lato sinistro è presente lo slot SIM insieme ad un tasto funzione non personalizzabile. Le dimensioni sono di 154.36 x 73.36 x 7.4 mm per un peso di 156 g.

DISPLAY

La componente che colpisce di più è il Display.  Abbiamo un’unità da 5.99 pollici FULL HD+ (2160 x 1080pixel) e densità di 403 PPI. Il Display è in 18:9 e in tecnologia IPS, buona la leggibilità sotto la luce diretta del sole, cosi come gli angoli di visuale ed è protetto da un Gorilla Glass 3.

PROCESSORE

Al suo interno batte un “Cuore” Snapdragon. Infatti troviamo il nuovo Snapdragon 660 (già montato sullo Xiaomi Mi Note 3) octa-core a 2.2 Ghz  con GPU Adreno 512 con RAM da 4 o 6 GB e memoria interna da 32/64/128/256 GB. Il comparto Hardware è molto ben bilanciato e fa muovere lo smartphone con un’ottima fluidità ed è possibile svolgere più attività contemporaneamente senza notare alcun rallentamento. Oltre ad avere una potenza non da poco, paragonabile ad altri chipset dell’azienda, questo 660 è un processore rivolto anche al risparmio energetico come visto sul Mi note 3.

FOTOCAMERA

La doppia Cam posteriore da 12 + 5 MP con apertura focale f/1.8 – 2.0 con autofocus ha come detto precedentemente un singolo led flash. Nella parte anteriore, invece, è da 16 MP con apertura focale f/2.2.  Le foto risultano di ottima qualità con molta luce, al contrario vista l’assenza di uno stabilizzatore ottico bisogna fare molta attenzione prima di scattare. E’ possibile usufruire dell’effetto bokeh sia con la Cam posteriore sia con quella anteriore (anche se è solo a livello software a causa della mancanza di un altro sensore).  I video possono essere girati in 4K e full HD con la cam posteriore, mentre solo full HD con quella anteriore e i risultati sono molto buoni con un’ottima qualità d’immagine.

AUDIO

Lo speaker si colloca nella parte inferiore dello smartphone, ha un volume molto alto ed è mono.  il vivavoce si sente molto bene e anche l’audio in capsula è limpido come quello nelle cuffie.

SOTWARE E CONNETTIVITA’

Il software si basa su Android 7.1.1 Nougat  con interfaccia proprietaria Smartisan Os 4.5.0. Come detto questo smartphone è pensato per il mercato orientale, infatti non è presente la lingua italiana ma solo quella cinese e quella inglese. E’ presente il Face Unlock molto preciso e diverse gesture full screen quando si va a nascondere la barra di navigazione, queste sono molto simili a quelle dell’iPhone X ed è presente la modalità ad una mano… davvero molto utile.  Lo Smartisan Nut Pro 2 supporta la connettività LTE di cat. 12, ma non è presente la famigerata Banda 20, comunque la ricezione è molto buona.  E’ presente un wifi a/b/g/n a doppia banda con un bluetooth 5.0, è un dual SIM e l’ NFC è presente solo sulla versione 6/256.

AUTONOMIA

Grazie  allo Snapdragon 660 e a ben 3500 mAh di batteria l’ autonomia di questo smartphone è più che sufficente e garantisce quasi 2 giornate con un’utilizzo medio, cioè quasi 6 ore si schermo attivo, ed è anche presente il supporto Quick Charge 3.0 (ricarica rapida).  Infine possiamo affermare che l’autonomia è sicuramente uno dei punti forti di questo “Cinesone”.

Se si è alla ricerca di uno smartphone elegante, potente, con un’autonomia sopra la media e si è “consapevoli” del fatto che questo Smartisan Nut Pro 2 sia privo della lingua italiana e della Banda 20 allora questo è semplicemente lo smartphone giusto per voi! A mio parere questo è uno degli smartphone migliori che ci siano in circolazione anche se è poco conosciuto al grande pubblico. Peccato che non arriverà mai ufficialmente in Italia.

Dì la tua!

12 0