GoPro HERO5 Session: la nostra recensione della action cam “cubetto”

Abbiamo avuto l’opportunità di testare l’action cam di seconda fascia proposta da GoPro, la HERO5 Session, sorella minore della nota HERO5, senza display ma non per questo meno performante.

Specifiche tecniche

  • Chip: CMOS 10 MPx
  • Connettività: Wifi
  • Risoluzione video: 4K 30fps
  • Batteria: Li-Ion 1000 mAh

Design e aspetto

La GoPro Hero5 Session è particolare indubbiamente per la sua forma di cubo che unita alle dimensioni ridotte ci permette di portarla ovunque anche tenendola comodamente nella tasca dei pantaloni o nel taschino di una camicia (sì, ci sta!).

Dispone di due microfoni che vengono attivati dinamicamente in base alle condizioni di volume esterno come soffio del vento, fruscio, ripresa subacquea, in questo ultimo caso la registrazione audio è notevolmente migliore rispetto alle versioni precedenti in quanto non serve una custodia supplementare per utilizzarla in acqua. La Hero5 Session infatti è impermeabile fino a 10 metri senza custodia esterna.

Comodissima la funzione che ci permette di comandare l’action cam grazie ai comandi vocali come “GoPro avvia registrazione”, “GoPro spenta”, “GoPro scatta foto” (qui una lista completa).

Gli unici tasti che troviamo sulla GoPro Hero5 Session sono quello posto vicino al piccolo display LCD in alto che serve per avviare velocemente l’ultima funzione utilizzata, per esempio la registrazione istantanea di un video o una foto immediata appena si preme il tasto action cam spenta e il tasto di accensione sul retro che serve anche a navigare nel menù.

Per la carica, Hero5 Session utilizza una USB type-C e per l’archiviazione una micro SD, purtroppo non c’è un uscita HDMI per vedere video e foto su un monitor esterno ma c’è un supporto per un microfono supplementare.

Qualità foto e video

Foto scattata con GoPro Hero5 Session

La GoPro Hero 5 Session scatta foto a 10 megapixel e devo dire che senza un monitor per vedere cosa stiamo fotografando è difficile fare una composizione di ciò che vogliamo immortalare, comunque in condizioni di luce le foto non vengono malissimo, il tutto peggiora drasticamente quando è buio.

Le fotografie comunque, grazie ad un “campo lineare di vista” introdotto nella action cam, sono più lineari per quanto riguarda margini e orizzonti, quindi hanno un aspetto naturale, l’obiettivo ha una apertura di 170°.

Il frame rate massimo della Hero5 Session in 4K è di 30 fps, mentre scendendo di qualità a 2,7K non arriva a 60 fps ma “solamente” a 48 fps che tutto sommato non è male. In questo caso si nota molto il divario con la sorella maggiore. 

A 720p, mantenendo lo spazio di visione ampio, la registrazione arriva a 120 fps.

La stabilizzazione digitale è presente solo registrando i video in risoluzione inferiore a 4K ma mantenendo l’opzione attiva si perde circa il 10% di fotogrammi.

Connettività e autonomia

La GoPro Hero5 Session è facilmente associabile alla sua app ufficiale (ora GoPro, prima Capture) attivando Wifi o Bluetooth, attualmente per certi dispositivi è obbligatorio attivare anche il GPS a causa di un bug che probabilmente verrà risolto.

Nella app è inclusa una funzione per mettere insieme i video girati e creare un filmino in modo abbastanza intuitivo e semplice, una funzione utile è l’HiLight Tag che ci permette di selezionare al volo quali video sono più importanti.

L’autonomia permette di arrivare a circa 2 ore di riprese e per caricare completamente la sua batteria da 1000mAh serve circa un’ora.

Conclusione

Le sue ridotte dimensioni che la permettono di portare ovunque senza nessun ingombro, le sue funzionalità intuitive, la qualità della registrazione dei video e audio (un po’ meno le foto) ci fanno valutare molto positivamente la GoPro Hero5 Session che secondo noi, per il prezzo a cui è venduta, cioè 359 euro sul sito ufficiale ma la si trova anche a meno, è una delle migliori action cam presenti sul mercato attualmente; peccato per la mancanza di uno monitor “live”.

Altre foto

Davide Donada Scritto da:

Sono un grande appassionato di informatica, fotografia e grafica digitale.
Mi piace testare i nuovi prodotti tecnologici usciti sul mercato.