Fujifilm X100F, la recensione: una mirrorless piccola e comoda per ogni occasione

La prima Fujifilm X100 è stata presentata il 19 settembre del 2010, ormai 8 anni fa.
Apparteneva alla linea FinePix, montava un sensore “tradizionale” da 12 MP e, nonostante alcuni difetti, ha stregato molti fotografi, professionisti e semplici appassionati.

Il segreto era tutto nella semplicità: un’ottica, una ghiera per i tempi, una per i diaframmi, una per la compensazione dell’esposizione; tutto quello che ti serve per uscire a fotografare, senza troppi pensieri.

Per quanto riguarda le dimensioni, la X100 stava tranquillamente nella tasca di un giubbino.

Caratteristiche

Fujifilm X100F è la quarta iterazione della ben nota serie X100 di Fujifilm. Usa ancora lo stesso obiettivo da 23 mm F2 equivalente a 35 mm, il design rimane “classico”, e imita quello della X-Pro2 e della X-A3 ma quasi tutto è cambiato sotto la superficie.

Il più grande cambiamento tra l’X100F e i suoi predecessori è il passaggio all’uso del sensore X-Trans 24MP.  Siamo rimasti molto colpiti da questo sensore quando l’abbiamo rilevato sula X-Pro2. Riteniamo che sia un passo avanti molto più grande di quello che implica l’aumento del conteggio dei pixel.

Abbiamo provato a fare un riassunto di quali sono le caratteristiche chiave della X100F rispetto al passato:

  • Sensore CMOS X-Trans 24MP
  • Mirino ottico / elettronico ibrido
  • Lente F2 equivalente a 35 mm
  • Joystick per l’impostazione del punto AF
  • Controllo ISO tramite la manopola (sollevare e ruotare il selettore della velocità dell’otturatore)
  • Quadranti di controllo push-in gemelli, anteriore e posteriore
  • Anello di messa a fuoco personalizzabile quando non è in modalità MF
  • Menu revisionati
  • Parametri di immagine a grana più fine
  • Batteria ad alta tensione NP-W126S con indicazione dell’utilizzo percentuale
  • Modalità digitale Teleconverter (offre una resa di 50 mm e 70 mm, ridimensionata a 24 MP)

Ergonomia  e design

Il corpo della X100F assomiglia molto ai suoi predecessori e il mirino ibrido funziona ancora essenzialmente nello stesso modo in cui lo faceva nella X100T. I designer di Fujifilm hanno fatto di tutto per preservare lo stile del modello originale. 

Nonostante le somiglianze visive, molto è cambiato. I quattro pulsanti sul lato sinistro dello schermo sono spariti e un joystick per il controllo AF è apparso nella nuova striscia in basso a destra dello schermo. Sembra un piccolo cambiamento, ma significa che molte più operazioni della telecamera possono essere eseguite con una sola mano come per esempio lo spostamento dei punti di messa a fuoco che con questa mirrorless è veramente comodo.

La fotocamera vede anche un quadrante di controllo anteriore aggiunto per completare quello sul retro di X100T. Entrambi i quadranti possono fungere da pulsanti per cambiare la loro funzione, anche se l’unico ruolo che viene riprodotto di default sia per la regolazione del valore di ± 2 / 3EV della regolazione della velocità dell’otturatore, poiché la velocità di scatto dell’otturatore offre solo valori EV totali.

Sono utili in modalità di riproduzione, tuttavia, con il controllo del quadrante posteriore che controlla lo zoom e il quadrante anteriore che permette di scorrere tra le immagini.

Funzionalità

La cosa principale che è cambiata è il grado di personalizzazione disponibile. Con il joystick AF di cui dispone l’X100F, si possono ottenere sette controlli personalizzabili, che danno la possibilità di tenere d’occhio e manipolare qualsiasi parametro di scatto.

Attraverso l’anello dell’obiettivo (girandolo come se si stesse mettendo a fuoco) è possibile impostare il valore del diaframma, questa è una funzione comodissima quando non c’è tempo di andare a gestire il valore dal menù delle impostazioni.

ISO automatici

Il comportamento della X100F quando deve gestire autonomamente gli ISO corrisponde a quello della maggior parte dei recenti modelli di Fujifilm: ci sono tre impostazioni personalizzabili, ognuna delle quali consente di scegliere un’impostazione ISO minima e massima e la soglia della velocità dell’otturatore alla quale la fotocamera deve aumentare la sensibilità ISO.

Questo non è il sistema più sofisticato esistente sul mercato, ma l’obiettivo principale della X100F è migliorare l’intelligenza basata sulla lunghezza focale: si può semplicemente impostare i valori in base alle situazioni in cui ci troviamo a scattare senza preoccupazioni per il movimento della fotocamera o del soggetto in quanto la fotocamera calcola bene il tempo di scatto.

L’ISO automatico può essere attivato anche senza specificare manualmente un tempo di posa o un valore di apertura e può essere applicato l’EV. dell’esposizione per dettare la luminosità di default che la fotocamera tenta di mantenere.

Messa a fuoco

L’autofocus nelle è storicamente il punto debole per la serie X100. L’obiettivo, anche se piccolo ha una buona apertura focale ma lo spostamento della messa a fuoco non ci è sembrato così veloce in certi casi. L’aggiunta del rilevamento di fase sul sensore ha migliorato la situazione, ma è rimasta una delle carenze più evidenti; forse non è proprio una mirrorless destinata alle riprese sportive.

Tuttavia, X100F continua a essere principalmente una fotocamera per le riprese AF singole. Il joystick AF rende più facile e veloce cambiare i punti AF rispetto ai modelli precedenti, il che significa che non è mai necessario ricorrere alla messa a fuoco e alla ricomposizione. In condizioni di scarsa illuminazione ci siamo trovati in difficoltà nella messa a fuoco automatica ma in qualche caso si è rivelata utile la luce di pre-AF

Teleconvertitore digitale

Come abbiamo detto, l’obiettivo della Fujifilm X100F è fisso ma è possibile utilizzare un teleconvertitore digitale, accessibile dalla ghiera di messa a fuoco / controllo, se la fotocamera è impostata per acquisire scatti in JPEG. A nostra grande sorpresa la perdita di dettaglio non è così evidente nonostante non si tratti di uno zoom ottico e si riescono ad ottenere buone foto (stiamo quindi parlando di un crop), con una maggiore vicinanza al soggetto.

Video

Riteniamo che sia giusto dire che una fotocamera fissa con un telemetro da 35 mm non sarebbe la prima scelta di molte persone per le riprese video. Quindi, forse non sorprendentemente, l’X100F non guadagna l’abilità dell’X-T2 di girare video 4K. Invece si accontenta di offrire le stesse specifiche Full HD 1080p del suo immediato predecessore.

In modalità video, come per le foto, l’X100F offre un buon grado di controllo manuale sull’esposizione (e continua ad offrire la modalità ISO Auto con comp dell’esposizione, se viene impostata l’esposizione manuale). Purtoppo non c’è un controllo sull’aufofocus che può essere acceso (AF-C) o spento. La modalità di Rilevamento viso funziona molto bene se dobbiamo mantenere la messa a fuoco durante un discorso di fronte alla fotocamera.

Qualità delle foto

Anche in condizione di illuminazione difficile, come può essere il tramonto le foto ad alti ISO vengono con disturbi veramente leggeri che nel complesso non vanno ad alterare la qualità dello scatto e in ogni situazione di luce buona se la cava in maniera egregia; possiamo dire di esserci trovati veramente bene in ogni situazione.

Conclusione

La combinazione di qualità dell’immagine, design e comodità di utilizzo della Fujifilm X100F la rendono una mirrorless assolutamente consigliata per un ipotetico acquisto. È ancora una fotocamera di nicchia, ma i limiti di questa ultima versione derivano principalmente dal suo design, piuttosto che dalle sue funzionalità. Una vera macchina fotografica per fotografi.

Pro
  • Ottima per viaggiare
  • Dimensioni compatte
Contro
  • L'utilizzo è complicato all'inizio
  • Obiettivo fisso
9
Super
Design - 8
Ergonomia - 9
Qualità delle foto - 9
Versatilità - 10
Scritto da
Sono un grande appassionato di informatica, fotografia e grafica digitale. Mi piace testare i nuovi prodotti tecnologici usciti sul mercato ed è per questo che il 27 maggio 2017 ho deciso di aprire RecensioneDigitale.it

Dì la tua!

2 1