Acer e Impara Digitale, la partnership: un miglioramento per i servizi didattici a distanza

La attuale situazione di emergenza di quest’anno ha portato il digitale e la sua applicazione nei diversi settori ad essere parte integrante della nostra vita ed è importante che vengano portate avanti collaborazioni come quella tra Acer e Impara Digitale.

Chiaramente anche il mondo della scuola ha subito la necessità forzata della didattica a distanza attraverso l’utilizzo di tecnologie digitali come unico strumento per la formazione, al servizio di insegnanti e studenti.

Collaborazione

Un'immagine per la collaborazione tra Acer e Impara Digitale
Un’immagine per la collaborazione tra Acer e Impara Digitale

In questo panorama, Acer for Education – sempre pronta a cogliere ogni sfida per l’innovazione – continua ad investire nel futuro dell’istruzione, annunciando anche per quest’anno la partnership con il Centro Studi Impara Digitale, l’associazione nazionale che promuove lo sviluppo di una didattica innovativa che tenga conto delle trasformazioni della società e del mondo del lavoro e dell’economia.

Riccardo Tavola, Education Lead di Acer Italia afferma: “Riteniamo che la partnership con Impara Digitale dia grande valore aggiunto al nostro ecosistema composto da un ricco portfolio di prodotti tecnologici, da software per la didattica e la gestione delle classi virtuali e da soluzioni interattive di apprendimento e di insegnamento. Siamo quindi orgogliosi di sostenere anche quest’anno Impara Digitale perchè crediamo nelle potenzialità e negli strumenti che questa associazione, con grande impegno e spirito di innovazione, può offrire al mondo scolastico, attraverso ricerche, workshop ed eventi a livello nazionale.”

Aula immersiva

Il progetto nasce dalla riflessione sul profondo cambiamento, apportato dalle tecnologie, nel modo di apprendere, di creare, di comunicare e di relazionarsi dei bambini e dei ragazzi.

Sin da piccolissimi i bambini si trovano ad interagire con i dispositivi digitali, che entrano a far parte della loro vita con uno scopo meramente ludico e di intrattenimento, con una supervisione dei genitori più o meno incisiva e una consapevolezza più o meno profonda. Di fronte a uno schermo, ci appaiono molto spesso estraniati dal contesto che li circonda, immersi in una realtà “altra” che li attrae e li distrae.

La scuola deve oggi necessariamente accompagnare bambini e ragazzi a conoscere questi nuovi strumenti, per renderli consapevoli delle potenzialità e dei rischi. Per farlo gli insegnanti devono reinventarsi, studiare ed utilizzare il loro “linguaggio”, per creare esperienze di apprendimento arricchenti, coinvolgenti e motivanti.

Dianora Bardi, Presidente di Impara Digitale, afferma: “La partnership con Acer, consolidata ormai da diversi anni, è per noi motivo di grande orgoglio. Spesso la ricerca è sottovalutata, ma per Impara Digitale rappresenta un fiore all’occhiello, perché ci consente di proporre alla comunità scolastica un tipo di innovazione didattica che io definisco “responsabile”, in quanto supportata da studi autorevoli che riescono a produrre risultati affidabili e attendibili.

La struttura del nuovo modello didattico che Impara Digitale propone, di cui l’aula immersiva è uno degli ambienti di apprendimento, si basa sul riconoscimento delle potenzialità dei bambini, che vengono sollecitate tenendo in considerazione tutte le diversità ed intelligenze (Intelligenze multiple H. Gardner), con una particolare attenzione all’intelligenza digitale, che si integra con lo sviluppo delle 5 menti del futuro di Gardner, di cui le intelligenze multiple sono supporto e nutrimento.

L’aula immersiva (o aula delle meraviglie), del tutto nuova soprattutto nelle scuole dell’infanzia e nelle primarie, diviene un luogo-non luogo che spalanca le porte al mondo esterno attraverso nuove raffigurazioni, che permette di vivere nuove esperienze, di renderle i concetti astratti più concreti, di interagire con il mondo circostante e con nuovi personaggi proiettati sulle pareti, teletrasportando i bambini in ambienti tridimensionali e in scenari immaginari, contesti sino ad ora solo “sognati”.

Grazie all’aula immersiva sarà possibile conquistare l’attenzione dei bambini, potenziando le capacità sensoriali, la pazienza alla cultura, l’ascolto, la riflessione. Attraverso l’utilizzo dei loro stessi strumenti comunicativi si potranno sviluppare capacità di osservazione, empatia, consapevolezza, creatività e libertà di espressione.

Finalità pedagogica

Il progetto si sposa perfettamente con gli obiettivi di Acer for Education, attore primario dell’industria IT nel processo di trasformazione digitale della scuola italiana.

Acer for Education fornirà gratuitamente un notebook Predator Triton 500, caratterizzato da ottime prestazioni, che, abbinato ad un proiettore di ultima generazione, consentirà di creare nuove e coinvolgenti esperienze di apprendimento in ambienti immersivi.

Fondamentale sarà creare armonia e serenità, lasciando spazio alle emozioni in un ambiente esperienziale-sensoriale in cui si ascolterà musica, si percepiranno odori e si svolgeranno molteplici attività immersi in mondi fantastici. Proiezioni interattive per creare un’esperienza degli studenti sempre più coinvolgente e immersiva, rendendoli in questo modo i veri protagonisti del proprio processo di apprendimento

I più venduti su Amazon

Ultimo aggiornamento 2021-02-24 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Aiutaci a migliorare!
Compila questo breve sondaggio
Grazie!